Connect with us

Tennistavolo

Federico Antenucci: “A Vasto sarà emozionante ma voglio provare a vincere tutto, sogno la nazionale”

Published

on

17/01/2018 – Sabato 20 e domenica 21 nel torneo nazionale di 4a categoria il giovane pongista vastese nel singolo maschile sarà testa di serie numero uno ma punta ad essere protagonista anche nei due doppi

Ha impugnato la racchetta a dieci anni e negli ultimi sei anni non l’ha mai più lasciata. Due settimane fa ha compiuto sedici anni ma Federico Antenucci sembra già avere la stoffa del campione, viste le tappe bruciate negli ultimi anni. La passione per il tennistavolo ereditata dal papà Gabriele, “lo accompagnavo nei tornei aziendali e da lì in avanti la passione è diventata sempre più forte, giocavo a ping pong e calcio contemporaneamente ma poi ho deciso di dedicarmi solo al primo”. Tanti tornei vinti negli ultimi anni e nel weekend il classe 2002 Antenucci (da quest’anno tesserato in C2 con i marchigiani del Virtus Servigliano) sarà la testa di serie numero uno nel torneo nazionale di 4a Categoria “Città del Vasto” organizzato dall’Asd Tennistavolo Vasto.

Federico Antenucci, il campionato di C2 è fermo ma i tornei in questo periodo non mancano, nel prossimo weekend lo spettacolo del tennistavolo farà tappa a Vasto, contento di poter un torneo di rilevanza nazionale nella tua città? “Non vedo l’ora di iniziare a giocare, sarà una bella esperienza confrontarmi con i miei avversari a casa mia, il merito va però alla mia ex società, il Tennistavolo Vasto, quella che fino allo scorso anno mi ha cresciuto e che ha lavorato tanto per portare a Vasto questo torneo, ancora un grazie all’allenatore Paolo Caserta e al presidente Stefano Comparelli”.

Nel tabellone nonostante la giovane età il tuo nome sarà quello più in alto di tutti, testa di serie numero uno, l’emozione potrà giocarti un brutto scherzo o quando inizierà il torneo non sentirai più nulla? “Un pizzico di emozione la proverò sicuramente, non capita tutti i giorni di giocare un torneo nella tua città per di più da testa di serie con l’obiettivo di poterlo vincere o come minimo provare a salire sul podio in tutte e tre le categorie”.

Oltre al singolo maschile per te sarà un weekend intenso con l’aggiunto del doppio misto e anche quello maschile, con chi li affronterai? “Il misto sarò in coppia con la vastese Margherita Cerritelli e proveremo a prenderci un posto sul podio, il maschile lo affronterò insieme al mio allenatore Paolo Caserta con l’obiettivo di centrare la vittoria finale”.

Il clou della due giorni sarà sicuramente il torneo singolo, da testa di serie numero uno avrai tanti riflettori puntati addosso, arrivare secondo sarebbe un passo indietro? “No, io giocherò per vincerlo ma guardando ai nomi presenti nel tabellone ci troviamo di fronte a un torneo di altissimo livello, i primi quindici sono tutti bravi, ecco perché anche secondo o terzo posto sarebbero comunque grandi piazzamenti per me”.

In estate ha lasciato il Tennistavolo Vasto per iniziare l’esperienza in C2 marchigiana, la Virtus Servigliano è prima in classifica, dal punto di vista personale finora come sta andando? “Esperienza magnifica, sto crescendo giorno dopo giorno e tutti nell’ambiente mi vogliono bene, mi seguiranno anche a Vasto durante il torneo e il mio capitano, Mosconi, sarà un sicuro protagonista tra singolo e doppio”.

A sedici anni le ambizioni di certo non mancano, se provi per un attimo a chiudere gli occhi dove ti immagini con una racchetta in mano tra una decina d’anni? “Di bravi in questo sport ce ne sono molti, lavoro tanto ma dovrò impegnarmi ancora di più per proseguire nel mio percorso di crescita, sarebbe bello provare a stare tra cinque anni in una posizione tra la cinquantesima e la centesima e magari tra dieci anni entrare a far parte della nazionale azzurra”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it