Connect with us

Calcio

Vito Marinelli: “Chieti scelta stimolante, con me porterei ‘Lupo’ Felice”

Published

on

02/07/2017 – Il centravanti sansalvese conferma l’accordo con la società teatina. Elogi al Cupello Calcio e qualche rimpianto con la Vastese. A fine mese sarà impegnato con la Serie A di beach soccer sulla spiaggia sansalvese

Da domani gli accordi verbali seguite dalle strette di mano si trasformeranno in ‘ufficialità’. Lunedì 3 luglio rappresenta in quest’estate il giorno che aprirà ufficialmente il calciomercato dilettantistico, tanti nomi sono già nel grande calderone, compreso quello del bomber sansalvese Vito Marinelli accasatosi a Chieti, salito due mesi fa dalla Promozione e pronto per una stagione da protagonista anche in Eccellenza anche se mai come quest’anno nei piani alti del massimo campionato regionale sarà vera bagarre.

Vito Marinelli, negli ultimi sedici mesi si è spostato tra San Salvo, Vasto e Cupello, dopo queste esperienze ‘territoriali’ ha scelto di allontanarsi di qualche chilometro ed accettare l’offerta neroverde, perché proprio il Chieti? “È la squadra che mi ha cercato per prima e con più insistenza, sin dai primi contatti mi hanno fatto sempre sentire importante, è una piazza ambiziosa e molto stimolante, spero di ripagare la loro fiducia”.

È uno dei bomber più prolifici degli ultimi anni in Eccellenza tanto da ricevere numerose offerte, compresa quella del Cupello che avrebbe fatto carte false pur di averla ancora al centro dell’attacco, sarebbe stato impossibile restare in rossoblù? “Non è stato facile lasciare una realtà sana e limpida come quella cupellese, pur avendoci giocato appena quattro mesi oltre che con i compagni ho stretto rapporti veri con l’ex presidente Oreste Di Francesco e il direttore sportivo Alessandro Pasquale, sono sicuro che faranno bene anche senza di me, ormai sono una realtà consolidata perché lavorano bene da anni”.

Affronterà da avversario sia San Salvo che Cupello in un massimo campionato regionale che si preannuncia ad alto coefficiente di difficoltà, il Chieti sarà pronto per disputare un campionato da protagonista? “Noi vogliamo toglierci belle soddisfazioni, per me Chieti a ventisei anni rappresenta una scelta ambiziosa, vorrei provare a vincere il campionato di Eccellenza anche se da quello che leggo ci saranno tante squadre vogliose di competere per i piani alti, sarà una stagione difficile ma la concorrenza sarà sicuramente stimolante”.

Si troverà di nuovo di fianco al portiere Cattenari e il jolly De Fabritiis, elementi di spicco per la categoria, se ai dirigenti teatini dovesse consigliare qualche suo ex compagno quali nomi le verrebbero in mente? “Il primo è Rosario Di Ruocco, si è già accasato in Serie D a conferma del suo enorme potenziale, con lui a San Salvo mi sono trovato a meraviglia, l’altro è Giuliano ‘Lupo’  Felice, il fatto che ha sempre giocato a San Salvo forse ha in parte nascosto il suo reale potenziale agli occhi degli addetti ai lavori, in realtà è uno dei centrali difensivi più forti di tutta la categoria, per tanti anni mi ci sono allenato insieme ma quest’anno quando l’ho affrontato contro il San Salvo ne ho avuto ulteriore conferma”.

Nella scorsa stagione con la Vastese ha avuto la possibilità, anche se per pochi mesi, di assaggiare il palcoscenico della Serie D, cos’è che la spinta a fare il passo indietro? “A Vasto mi sono trovato benissimo con compagni e società, mi sono sempre impegnato al massimo e pur non avendo un alto minutaggio fino al giorno prima della chiusura del mercato avevo espresso al direttore la volontà di restare, poi l’ultimo giorno utile per i trasferimenti alcune situazioni tattiche viste in allenamento mi hanno spinto a chiedere lo svincolo, dispiace che con qualcuno non sia mai nato il feeling”.

Prima di pensare al futuro con il Chieti c’è un presente in spiaggia chiamato Vastese Beach Soccer, a fine mese ci sarà la tappa di Serie A a San Salvo, sarà uno stimolo in più? “Sarà un bello stimolo giocare davanti agli amici sulla spiaggia di casa mia ma l’impegno sarà pari a quello che metto in campo da quando ho deciso di intraprendere questa avventura, speriamo di trovare le prime vittorie in campionato, farlo a San Salvo sarebbe ancora più bello”.

Se in campionato è rimasto a secco in Coppa Italia ha realizzato la bellezza di nove reti, nei suoi sogni c’è anche quello di indossare la maglia azzurra della nazionale italiana di beach soccer? “Non scherziamo, parliamo di livelli altissimi, io scendo in campo sempre per fare bella figura ma gioco in Serie A da appena due anni, ci sono attaccanti molto più esperti di me, arrivare in alto con il beach soccer è difficile e faticoso”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it