Connect with us

Basket

Come ripartirà la C Gold? “Serve pazienza, qualunque decisione assunta non sarà in grado di soddisfare le aspettative di tutti”

Published

on

Nei giorni scorsi il numero uno della Fip Marche, che fa capo anche alla C Gold dove partecipa la Generazione Vincente Vasto Basket si è fatto sentire attraverso una lunga lettera

In attesa di conoscere il futuro di A1 e A2 sappiamo già che dalla B fino ai campionati regionali il basket ha ufficialmente chiuso la stagione, dalle prime squadre fino ai settori giovanili. Al momento c’è una partita da vincere lontano dai parquet, riguarda tutti gli italiani, poi quando tutto sarà tornato al proprio posto (o quasi) si tornerà a parlare anche di sport giocato. Anche se prima bisognerà capire come chiudere ufficialmente questa stagione, al momento le classifiche sono cristallizzate, cosa ne sarà di promozioni, retrocessioni, playoff e playout? In una lunga lettera si è fatto sentire Davide Paolini presidente della Fip Marche ma interessa anche alcune società abruzzesi partecipanti al campionato di C Gold come la Generazione Vincente Vasto Basket, l’Unibasket Lanciano e Magic Basket Chieti.

Care società,
ho aspettato qualche ora prima di scrivervi, perché in questo particolare periodo della nostra vita, dove le giornate di ognuno di sono vissute con ansia, parlare di sport , parlare della nostra amata pallacanestro non ha quel valore che da sempre tutti noi viviamo.
Il nostro presidente federale, dott. Petrucci, ha preso una decisione difficile, ma che dimostra l’attenzione che lui e tutta la Federazione Italiana Pallacanestro hanno sempre avuto nei confronti della salute di tutti noi.
Siamo una grande famiglia e, in questi casi, ci si deve comportare da buon padre di famiglia e prendere decisione per il bene comune.
La stagione sportiva 2019/2020 è stata dichiarata conclusa, quindi, a tutti noi mancheranno le sensazioni che il nostro sport ci sa regalare. Sono convinto che l’astinenza da un canestro o da una stoppata dei prossimi mesi, ci riserverà una nuova energia appena potremmo tornare ad abbracciarci su un parquet, dove forse tutti saremo diversi nell’
approccio tra giocatori, allenatori, dirigenti, arbitri, udc e genitori.
In questo momento, vi chiedo di avere un po’ di pazienza, dobbiamo vincere ancora la partita più importante, quella di poter tornare tutti ad una vita normale e, quindi, ad oggi qualsiasi valutazione sul futuro è prematura anche perché siamo in attesa di conoscere le
decisioni relative ai campionati nazionali.
In questo momento tutti noi componenti della nostra Federazione Italiana Pallacanestro, a partire dal nostro presidente federale che ringrazio per quanto sta facendo, stiamo cercando di trovare le soluzioni per il nostro futuro cestistico. Immagino già che qualunque decisione assunta non sarà in grado di soddisfare le aspettative di tutti, ma ricordatevi che di fronte ad una situazione di tale emergenza, vi garantisco che si cercherà di
fare le scelte più corretta per tutti. Per concludere voglio ringraziarvi per aver compreso sin da subito la gravità che ha colpito prima la nostra regione, poi tutta l’Italia ed
ora anche tutto il mondo. Sarà mia premura tenervi aggiornati sulle decisioni che verranno prese e vi ricordo che qualunque comunicazione ufficiale sarà inviata solo attraverso le fonti ufficiali della Federazione centrale o di questo Comitato Regionale.
Tutte quello che leggerete nelle prossime settimane su social o le infinite opinioni di quanti hanno sempre la soluzione per tutto, non avranno alcun fondamento fino a comunicazione appunto degli organi competenti.
Ora chiedo a tutti …Restiamo a casa … solo così, presto, torneremo ad abbracciarci in palestra, godiamoci i nostri cari e permettetemi un saluto speciale ai consiglieri regionali, ai delegati provinciali, ai collaboratori del comitato, a tutta la squadra cia, arbitri e udc, agli allenatori, agli istruttori, ai giocatori, ai dirigenti, a tutte le famiglie e un pensiero speciale va ai nostri giovani atleti e mini cestisti che sono poi quelli che soffrono di più di questa situazione.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it