Connect with us

Calcio

Fiore: “Quando sarà possibile vorrò divertirmi con il Casalbordino. Covid? Situazione complicata…”

Published

on

L’esterno offensivo vastese ieri si è ufficialmente legato ai giallorossi. Ritroverà Soria da allenatore e compagni di squadra come Della Penna, Mangiacasale e Fusaro

Calcio dilettantistico fermo ma non il calciomercato che continua a regalare movimenti importanti. Come quello di ieri messo a segno dal Casalbordino che si è assicurato le prestazioni di Nicola Fiore. Il classe ’87 dopo aver salutato Chieti ha scelto di accettare la chiamata dei giallorossi nonostante non fossero mancate chiamate dalla D e anche da fuori regione.

L’intenzione sua era chiara, per motivi personali e lavorativi non aveva più intenzione di muoversi troppo dalla sua Vasto, Scerni non è tanto lontano per allenamenti e partite ufficiali. Contenti dell’epilogo positivo della trattativa patron Alessandro Santoro e il ds Nicola Travaglini che sperano di poterlo vedere all’opera il prima possibile ma, non è più una novità, causa Covid, prima del 24 novembre gli sport dilettantistici non potranno scendere in campo. Dopo i tanti anni in C, gli ultimi in D, dallo scorso dicembre Fiore affronta l’Eccellenza, prima quella marchigiana (Anconitata) e da settembre l’abruzzese: “Campionato dove il livello è alto, non solo per i piani alti, le squadre finora incrociate sono sembrate tutte organizzate”. Chiusa l’esperienza neroverde si è legato al Casalbordino: “Riavvicinarmi a Vasto era l’aspetto principale, la dirigenza casale mi ha contattato subito dopo la fine del rapporto con il Chieti, patron Santoro e il direttore Travaglini mi hanno fatto un’ottima impressione”.

Ritroverà compagni come Della Penna e Mangiacasale (insieme nella Pro Vasto in C2), Fusaro (a Campobasso) ma soprattutto Peppe Soria oggi in veste di allenatore: “In questi giorni ci siamo sentiti spesso, ha fatto capire di volermi fortemente e nonostante questo stop l’ho trovato bello carico”. Uno stop legato dal Covid che pone tanti interrogativi intorno al calcio dilettantistico: “È sotto gli occhi di tutti, la situazione è complicata ma la speranza di tutti è tornare in campo il prima possibile. Ho deciso di firmare in questo periodo per avere più certezze, quando si potrà riprendere l’attività non dovrò pensare a nient’altro se non ad allenarmi e farmi trovare pronto quando sarà il mio turno”.

Difficile ipotizzare quando si potrà tornare in campo ma Fiore è felice di questa nuova esperienza: “Speriamo di ripartire tra un mese ma al momento fine novembre la vedo improbabile come data anche se spero di sbagliarmi. Ho scelto Casalbordino perché tutti mi hanno parlato in modo entusiasta di questa piazza, io sto bene e voglio tornare a divertirmi in campo il prima possibile”.

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it