Connect with us

Amatori

‘Bufera’ Amatori, società sul piede di guerra

Published

on

Nessuna certezza sulla ripartenza del Campionato Amatori e monta la polemica nell’area territoriale di riferimento della Delegazione di Lanciano della Figc con 38 società dichiaratamente sul piede di guerra e fortemente critiche nei confronti dell’attuale gestione.

Di seguito la nota congiunta trasmessa agli organi di informazione.

“Nella riunione di ieri, 19 ottobre, i dirigenti di 38 squadre che avevano regolarmente effettuato iscrizione a campionato Amatori di calcio Figc Delegazione di Lanciano hanno appreso che in considerazione della quasi totale assenza di arbitri, comunicata dall’Aia (Associazione Italiana Arbitri), il torneo non potrà partire.

La soluzione unica fornita è quella di far slittare il tutto ad anno nuovo quando, per loro dire, potrebbero magicamente sistemarsi le cose. La domanda sorge spontanea, ma non era prevedibile? Invece no, si è più volte comunicata data di inizio e sollecitato bonifico per l’iscrizione, quote trattenute in qualche caso da oltre un anno, incuranti dei sacrifici che le società fanno per raggiungere tali somme alle quali vanno aggiunti i fondi reperiti per il pagamento dei campi di gioco e del materiale sportivo oltre ai costi sostenuti da ognuno per sottoporsi a visita di idoneità medico sportiva.

L’aver preteso il pagamento è inaccettabile e siccome a pensar male a volte ci si prende sembra come se… incassata la quota li ho incatenati impedendo loro di organizzarsi con altro ente che farebbe crollare il castello. Se consideriamo che dietro ogni società ci sono almeno 30 tesserati e moltiplichiamo per il numero delle squadre iscritte il totale risulta essere 1.140 persone circa prese in giro.

Alla luce di quanto emerso nell’incontro le società chiedono con forza il rispetto della regolare data di inizio (30 ottobre). Se superata questa data non si provvederà alla partenza, si dovranno restituire con urgenza le quote versate riservandoci di adire comunque le vie legali per tutte le spese sostenute e non godute.

Non proprio una buona partenza per il neo presidente regionale Figc Concezio Memmo e per il neo presidente regionale Aia Giuseppe De Santis“.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it

Advertisement
Advertisement

Facebook