Connect with us

Calcio

Pendenza show, Virtus Cupello “sette bellezze”: tramortito il Penne

Published

on

Cupellesi perfetti, tripletta del bomber di Vittorito migliore in campo con Troiano. Sabato anticipo in casa della Torrese

Pendenza: targa e tripletta

La sfida tra amici e vecchi compagni di squadra l’ha stravinta Panfilo Carlucci. Niente da fare per l’allenatore vastese Giuseppe Naccarella, il suo Penne vive un periodo nerissimo e i gol a valanga subiti nelle ultime due giornate (due 7 a 0 consecutivi) presentano un’istantanea sbiaditissima. Solo applausi per una Virtus Cupello che nella quinta giornata d’Eccellenza ha risposto alla grande dopo il passo falso di Nereto surclassando il Penne (ancora a secco di successi) con roboante 7 a 0. Tripletta per Pendenza, doppietta di La Selva e gol degli under Zinni e Claudio ma da evidenziare la prova maiuscola di Nico Troiano, migliore in campo (insieme a Pendenza) con tre assist vincenti e il rigore procurato. Prima del fischio d’inizio il bomber Alessandro Pendenza è stato premiato dalla società per i 50 gol realizzati in maglia rossoblù. Targa ricordo consegnata dall’assessore allo Sport di Cupello Oreste Di Francesco (presidente dei rossoblù quando il centravanti di Vittorito arrivò per la prima volta a Cupello), il presidente Giuseppe Silvestri e il direttore sportivo Alessandro Pasquale.

La partita – Anche nella domenica che chiude il primo tour de force dell’Eccellenza continuano le rotazioni in casa rossoblù. Tutti a disposizione per mister Carlucci che fa tirare il fiato a Racciatti schierando sulla sinistra Zinni per un 352 più offensivo. Davanti al portiere Di Vincenzo spazio a capitan Giuliano insieme a Felice e Conti, sull’altra corsia spinge e difende Troiano. Nel cuore del gioco recuperato Capitoli, dall’inizio torna anche Tafili, reparto completato da Maccioni. Davanti gli intoccabili, Pendenza e La Selva. Il Penne è chiamato a riscattare il pesante kappaò di Penne, il tecnico vastese Giuseppe Naccarella deve rinunciare agli infortunati Cacciatore, Iannascoli e Calderaro oltre lo squalificato Reale. Davanti ritrova Lepre dal primo minuto affiancato da Serti, recuperati Leone e Ranalli dopo gli acciacchi di mercoledì.

La splendida rovesciata di La Selva

Il primo squillo è pennese, rasoterra da fuori provato da Lepre, c’è Di Vincenzo in due tempi. Da lì in avanti è monologo rossoblù, la sblocca La Selva in mischia ma il fischietto marchigiano annulla per un fallo. Poi ci prova anche Capitoli ma il vantaggio non arriva, altra azione da applausi, assist di Maccioni per Zinni, sarebbe gol ma questa volta è l’assistente che annulla per offside. Il gol è nell’aria ed arriva alla mezzora con pieno merito, assist al bacio di Troiano dalla sinistra, Pendenza a centro area è il solito rapace, vantaggio meritato. I rossoblù vogliono il raddoppio, La Selva sale in cielo e ci prova con una rovesciata perfetta, sfortunato, la palla si stampa sul palo. Sarebbe stato il gol dell’anno. Passano otto minuti, schema su angolo, Troiano penetra in area e viene steso, per l’arbitro jesino non ci sono dubbi è calcio di rigore. Dagli undici metri va lo specialista Pendenza, palla da una parte e portiere dall’altra, per il bomber di Vittorito sono 52 gol in maglia cupellese. Il Penne non c’è, la Virtus Cupello sì e arriva anche il tris poco prima del quarantesimo. Nico Troiano è il migliore in campo, dopo l’assist del vantaggio e il rigore procurato invita a nozze, sempre dalla sinistra, anche Andrea La Selva, il ventisettenne francavillese non perdona, rossoblù da applausi.

Il canovaccio non cambia, si apre la ripresa e la Virtus Cupello cala il tris. Assist di? Troppo semplice, un pazzesco Nico Troiano, il 2001 di Pollutri serve il terzo assist personale di giornata (oltre il rigore conquistato), sul secondo palo la conclusione vincente è di Alessandro Zinni al primo gol stagionale. Gli uomini di Carlucci giocano a memoria e La Selva (con l’aiuto di una deviazione che inganna il portiere) serve la cinquina dopo poco più di cinquanta minuti di gioco.

Nico Troiano migliore in campo

Non si fermano i cupellesi, il 2003 Ugo Claudio con un diagonale preciso, bacia il palo per la sua prima firma in Eccellenza. Arriva anche il settimo gol, Pendenza chiude la sua giornata perfetta con un altro gol, seconda tripletta con la maglia rossoblù, il finale dice 7 a 0.

10 punti nelle prime 5 giornate (senza dimenticare la qualificazione ai Quarti di Coppa Italia) sono un ottimo bottino per i cupellesi pronti a candidarsi come vera sorpresa di questa stagione. La prestazione di oggi lo ha confermato, sarà una stagione lunghissima (Covid permettendo) ma la Virtus Cupello cercherà di restare in alto il più a lungo possibile e sabato nell’anticipo in casa della Torrese vorrà superare un bell’esame.

VIRTUS CUPELLO – PENNE: 7 – 0

Reti: 29’ pt, 37’pt e 33’st Pendenza, 39’pt e 7’st La Selva, 3’st Zinni, 30’st Claudio         

V.CUPELLO: Di Vincenzo, Conti, Troiano, Maccioni (17’st Claudio), Giuliano, Felice, Zinni (26’st Rossi), Tafili, Pendenza (34’st Scopa), La Selva (10’st Colitto), Capitoli D. (31’st Donatelli). A disposizione: Capitoli G., Racciatti, Caniglia, Donatelli, Rossi, Scopa, Colitto, Berardi. All.: Carlucci

PENNE: D’Amico, Di Fazio, Leone, Donatangelo (28’st Marzola), Ranalli, D’Addazio, Prosia, Grande, Lepre, Cutilli (10’st Rossi), Serti (10’st Colangeli). A disposizione: D’Intino, D’Addario D., Zenone, Vadini, Rossi, Marzola, Colangelo, Del Biondo, Bianchini.  All.: Naccarella

Arbitro: Leonardo Vai di Jesi (Donatelli di Pescara e Mongelli di Chieti)

Note: 100 spettatori; Ammoniti: Conti (VC), Tafili (VC), Di Fazio (P)

Antonio Del Borrello – antoniodelborrello@vasport.it