Connect with us

Premio Vasport

Premio Vasport 2020: parata di stelle in piazza Rossetti

Published

on

La serata di gala per lo sport abruzzese e del territorio condotta a Vasto da Daniele Barone e Grazia Di Dio

Nella bella cornice di piazza Rossetti, nel cuore di una Vasto che pulsa di bella aria e notevole afflusso turistico, è andata in scena ieri sera la seconda edizione del Premio Vasport.

Dopo il debutto dell’estate scorsa a Palazzo d’Avalos, una nuova opportunità, preziosa, per accendere ulteriormente i riflettori su personaggi e belle realtà sportive abruzzesi che hanno lasciato e continuano a lasciare un segno importante e significativo in questo territorio, ciò che rappresenta il ‘pane quotidiano‘ del nostro portale che, partendo da Vasto e dal suo comprensorio, allarga il suo sguardo di interesse e di attenzione allo sport della regione a tutto tondo.

Una serata piena di calore, climatico certo, ma anche e soprattutto di celebrazione del merito sportivo e dei tanti sacrifici di numerosi atleti e dirigenti, giovani e meno giovani.

Iniziativa anticipata dal taglio del nastro, nella vicina Saletta Mattioli, della pregevole mostra ‘Un secolo d’azzurro – Cento anni di storia della nazionale italiana di calcio‘, che resterà aperta fino al prossimo 3 settembre (ne parleremo in un successivo articolo) e che verrà seguita, il 26 e 28 agosto ed il 1° settembre dalla rassegna serale ‘Scrittori di Sport‘, in collaborazione con la Nuova Libreria, con presenze di spicco di giornalisti e sportivi che daranno luce ad alcune loro pubblicazioni nella suggestiva location di piazza Barbacani.

A condurre la serata il giornalista di Sky Sport, Daniele Barone, per la seconda volta assieme a noi, affiancato dalla collega Grazia Di Dio, collaboratrice della stessa Sky e di Rete 8.

Cieri e Cappa con Grazia Di Dio e Daniele Barone

I saluti introduttivi sono stati di Michele Cappa e Giulio Cieri, dell’Agenzia Cquadro editrice di Vasport ed organizzatori dell’evento. In risalto le difficoltà legate alla situazione Covid, ma anche la soddisfazione e l’entusiasmo nell’essere riusciti a condurre in porto questa edizione e la voglia di impegnarsi, da subito, a metterne in cantiere una terza, ringraziando quanti – tra istituzioni e partner commerciali in particolare – hanno voluto dare linfa e sostegno al progetto.

In rappresentanza dell’amministrazione comunale è stato il vice sindaco ed assessore Giuseppe Forte ad intervenire, insignito di un premio speciale consegnato da Giulio Cieri.

Poi spazio all’elenco delle premiazioni in agenda. Ecco di seguito chi ha ricevuto il Premio Vasport 2020.

Ariedo Braida: dirigente tra i più titolati della storia del calcio, ormai di casa in Abruzzo per ragioni sentimentali, premiato dall’ex giocatore ed attuale assessore ad Atessa Vincenzo Menna;

Ibarra

Maximo Ibarra: abruzzese, attuale amministratore delegato del colosso tv Sky che nell’informazione sportiva e nella diffusione di eventi ha una parte essenziale della propria attività, premiato dall’assessore regionale allo Sport Guido Quintino Liris;

Ettore Marcovecchio e Caterina De Marinis (presente quest’ultima): nomi al ‘top’ della pallavolo e del beach volley vastese, allenatori del settore azzurro giovanile e dei senior con esperienza anche alle mitiche Olimpiadi. Premio consegnato dal consigliere regionale Manuele Marcovecchio;

Maurizio Formichetti: referente Rcs Sport, pienamente coinvolto nell’organizzazione del prossimo Giro ciclistico d’Italia che a ottobre tornerà in Abruzzo con le tappe San Salvo-Roccaraso e Lanciano-Tortoreto, premiato dal vice sindaco Giuseppe Forte

Caterina De Marinis

Luis Ruzzi: procuratore sportivo di origini vastesi. Grande la sua emozione nel ricordare i suoi cari che hanno lasciato segni significativi in città prima di emigrare in Argentina. A premiarlo l’ex segretario storico della Vastese Franco Nardecchia (52 anni di esperienze in ambito di società di calcio, la gran parte dei quali con il club biancorosso), a sua volta poi premiato, a sorpresa, dall’ex sindaco e consigliere regionale Antonio Prospero;

Giuseppe Tambone: giornalista e dirigente sportivo che ha legato il suo nome alla favola calcistica del Castel di Sangro, esperto di economia e diritto dello sport, premiato dal presidente della Figc Abruzzo Daniele Ortolano;

Il Premio a Di Fulvio

Francesco Di Fulvio: pallanuotista pescarese, collegato dalla Sardegna per il ritiro della sua squadra, la Pro Recco, campione del mondo con la nazionale ed eletto ‘miglior pallanuotista al mondo’ nel 2019. A ritirare il premio, consegnato da Mauro Grimaldi, curatore della mostra ‘Un secolo d’azzurro’, è stato il papà Franco, giocatore di pallanuoto pure lui, della mitica Sisley Pescara;

Stefano Mammarella: numero 1 abruzzese di talento e classe del calcio a 5, portacolori dell’Acqua&Sapone, team al top in Abruzzo e in Italia, e della nazionale azzurra, insignito del riconoscimento di “portiere più forte al mondo”, premiato da Giulio Cieri di Cquadro;

Premiato Mammarella

Giulio Longo: referente italiano del Valencia Soccer Camp di calcio giovanile, organizzatore di diverse tappe di formazione in estate per i calciatori in erba anche in Abruzzo, premiato da Pietro Aquilano della TeamService Vasto

Nicolangelo Di Fabio: stella del nuoto di Cupello, cresciuto nella piscina di Vasto ed affermatosi a livello giovanile nazionale ed anche internazionale, reduce dalla recente e brillante partecipazione al prestigiogo Trofeo Sette Colli-Internazionali d’Italia di Roma, premiato dall’assessore vastese Anna Bosco;

Domenico D’Adamo: tecnico federale vastese di nuoto tra i più preparati del panorama italiano, allenatore di atleti plurimedagliati e collaboratore di alcune delle società di maggiore spicco, premiato dal consigliere comunale vastese Francesco Prospero;

Antonio Del Fra, 21enne pallavolista vastese di grande talento e prospettive che indossa la maglia della Sieco Impavida Service Ortona, club di Serie A2, premiato da Alberto Baiocco, rappresentante del settore imprenditoriale alberghiero cittadino

Luigi Alfieri

Luigi Alfieri: giovane pugile professionista vastese, fresco vincitore del prestigioso Trofeo delle Cinture nella categoria dei Pesi Welter, in quello che è stato il primo incontro di pugilato post Covid, premiato da Etelwardo Sigismondi, capo della segreteria particolare del presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.

A metà serata, inoltre, tra una premiazione e l’altra, spazio pure per un ‘salotto sportivo‘ legato all’attualità del calcio al quale hanno preso parte Ariedo Braida, Maximo Ibarra, Luis Ruzzi, Giuseppe Tambone ed il giornalista vastese, firma della Gazzetta dello Sport, Stefano Cieri.

Va in archivio, dunque, il Premio Vasport 2020, un altro seme gettato nell’obiettivo di dare il giusto risalto e valorizzazione allo sport del territorio. Da noi di Vasport e dall’agenzia Cquadro appuntamento alla terza edizione, con l’impegno di voler far emergere ulteriori e meritevoli talenti.

Redazione Vasport – redazione@vasport.it

Advertisement